Il paziente straniero in triage

Corsi GFT approfondimento
 Registrazioni chiuse
Data: 19 Aprile 2018 08:30 - 20 Aprile 2018 17:30

Sede corso: Hotel Litoraneo  |  Città: Rimini, Italia

L’immigrazione in Italia è un fenomeno relativamente recente, dai primi anni ’70 con un trend in continua crescita, specie nell’ ultimo decennio tant’ è che oggi siamo tra i primi paesi d’immigrazione. 
In Italia, in conformità all’art.32 della Costituzione, l’assistenza viene garantita anche agli stranieri, comunitari e non, compresi gli irregolari. Gli immigrati però non sono spesso a conoscenza della nostra cultura, delle nostre leggi e quindi dei loro diritti e doveri. 
La persona straniera che arriva in Italia è in genere giovane e in buona salute, ma spesso viene a contatto con una serie di fattori di rischio post migrazione che contribuiscono a dissipare questa condizione. Dopo un intervallo di benessere, può quindi aver bisogno di assistenza sanitaria e il suo accesso ai Servizi italiani avviene spesso attraverso il Pronto Soccorso. In questi casi, il Triage rappresenta il primo momento di "incontro - scontro" con il Sistema sanitario del nostro paese. 
Il Triage è una fase delicata già per i pazienti italiani, poiché l'ingresso in PS è di solito accompagnato da preoccupazione e sofferenza correlate al proprio problema di salute, che talvolta viene soggettivamente vissuto come molto grave. Il paziente straniero, rispetto a quello italiano, oltre al problema di salute, deve affrontare anche altre difficoltà: linguistiche, culturali e spesso anche timore di denuncia perché irregolare. 
L'infermiere di triage, d'altra parte, non può ovviamente disporre di plurali competenze linguistiche e culturali. Tra l'altro le Organizzazioni Sanitarie sono tendenzialmente in ritardo rispetto a questa problematica. La complessità e la grande responsabilità connesse alla funzione di triage sono quindi accresciute di fronte al paziente straniero.
In questa fase delicata, in cui inizia il processo di cura in PS possono generarsi conflitti correlati alle diversità che ostacolano o inibiscono un'adeguata presa in carico della persona ed aumentano il carico emotivo e di lavoro dell'operatore talvolta compromettendone la sua operatività, trasformando quindi l'incontro in uno scontro. 
Il nursing transculturale è un importante modello di approccio al problema, ma risulta di difficile applicazione in Triage, dove l'infermiere vive una situazione particolare, dettata da tempistiche ristrette, ritmi frenetici e un grande afflusso di pazienti. 
Molti sono gli studi e le iniziative formative che studiano la dicotomia paziente straniero e Servizi sanitari, ma nessuno di essi ha posto l'attenzione specificamente sulla realtà del Triage. 
Da queste premesse nasce la necessità di indagare le criticità e le difficoltà vissute dagli operatori e dall'utente immigrato in sede di Triage per individuare strategie di superamento delle stesse.
Il corso pone l'attenzione su alcuni elementi importanti della relazione di cura tra professionista ed utente straniero fornendo alla comunità professionale elementi di riflessione tali da poter elaborare percorsi di soluzione e iniziative atte a migliorare la qualità dell'assistenza erogata e ridurre lo stress lavorativo.
Il problema verrà affrontato sotto molteplici aspetti: la normativa specifica e la deontologia saranno oggetto del primo momento di confronto; verranno poi analizzati alcuni concetti antropologici tra cui l’ approccio con “l’ altro”, il concetto di salute - malattia e l’ accesso ai Servizi sanitari nelle diverse culture. Il confronto diretto con alcuni rappresentanti delle principali etnie presenti in Italia ed col presidente di una associazione multietnica di mediatori culturali, permetterà ai professionisti di confrontarsi con il vissuto della persona straniera e comprendere le motivazioni di alcuni comportamenti e situazioni, che possono compromettere una corretta presa in carico dell’ utente al triage. 
Un approccio culturalmente competente ed attento anche al rispetto dei “diritti” dell’ operatore garantirà una migliore qualità del triage per persona assistita ed operatore sanitario.

Modulo iscrizione cartacea

 

Posti disponibili
30
Numero di posti
30
Telefono
340/2730713
Email
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Sito internet
Crediti ECM
18
Sede Corso
Rimini
Indirizzo
Viale Regina Elena, 22
47921 Rimini RN, Italia

 

Google Maps


 

Altre date


  • Da 19 Aprile 2018 08:30 a 20 Aprile 2018 17:30